Marte e la sua straordinaria scoperta, è possibile estrarre ossigeno

da | 13 Set 2023 | Tecnologia

Nel corso della storica missione Perseverante, un protagonista silenzioso ma fondamentale ha compiuto progressi epocali nell’ambito dell’ossigeno su Marte.

Questo pioniere tecnologico è MOXIE, un dispositivo compatto che potrebbe rivoluzionare il futuro dell’umanità nello spazio.

Immaginate il giorno in cui i primi astronauti atterreranno su Marte.

Potrebbero dover la loro sopravvivenza e la possibilità di tornare a casa a un piccolo dispositivo dalle dimensioni di un forno a microonde.

Questo dispositivo è MOXIE, acronimo di Mars Oxygen In-Situ Resource Utilization Experiment, che ha dimostrato la sua incredibile capacità di generare ossigeno direttamente dall’atmosfera marziana.

 

Il potenziale di MOXIE, una rivoluzione per l’esplorazione spaziale

MOXIE è molto più di una semplice macchina; è la chiave per risolvere una delle sfide più pressanti per gli astronauti futuri: la produzione di propellente per i viaggi di ritorno sulla Terra.

Questa tecnologia innovativa rappresenta una svolta cruciale nell’esplorazione umana dello spazio e offre la possibilità di esplorare il nostro sistema solare in modi che erano impensabili fino a poco tempo fa.

 

L’incredibile successo di MOXIE

Durante la sua missione su Marte, MOXIE ha compiuto 16 estrazioni riuscite di ossigeno dall’atmosfera marziana.

Questa conquista straordinaria dimostra che è possibile creare una risorsa vitale direttamente sul pianeta rosso.

Nonostante le sue dimensioni ridotte, MOXIE ha generato un totale di 122 grammi di ossigeno, una quantità che può far respirare un cane di piccola taglia per circa 10 ore.

La sua capacità di produzione è stata altrettanto sorprendente.

A pieno regime, MOXIE ha prodotto 12 grammi di ossigeno all’ora, il doppio degli obiettivi originali della NASA.

Inoltre, ha garantito un livello di purezza del 98% nell’ossigeno prodotto.

Questi risultati eccezionali sono stati ottenuti durante un intero anno marziano e in una varietà di condizioni, consentendo agli sviluppatori di MOXIE di accumulare preziose informazioni sulla tecnologia.

 

Il cuore di MOXIE, estrazione dell’ossigeno su Marte

MOXIE opera attraverso un processo elettrochimico sofisticato che separa gli atomi di ossigeno dalle molecole di anidride carbonica presenti nell’atmosfera sottile di Marte.

Mentre questi gas passano attraverso il sistema, vengono attentamente analizzati per garantire la massima purezza e quantità di ossigeno prodotto.

Questo processo rivoluzionario offre una soluzione promettente per la produzione di ossigeno su Marte, un elemento essenziale per la sopravvivenza umana nello spazio.

 

L’impatto di MOXIE sul futuro dell’esplorazione spaziale

Le implicazioni di MOXIE vanno ben oltre il pianeta rosso.

La sua capacità di generare ossigeno in loco riduce la dipendenza dalla Terra per rifornimenti vitali e propellente.

Questo non solo rende le missioni su Marte più sicure ed economiche ma apre anche nuove opportunità per l’esplorazione spaziale nel nostro sistema solare.

La vice amministratrice della NASA, Pam Melroy, ha sottolineato l’importanza di questa tecnologia per il futuro delle missioni spaziali.

Ha dichiarato: “Lo sviluppo di tecnologie che ci consentano di utilizzare le risorse di Marte è fondamentale per costruire una presenza lunare a lungo termine.

Ci permetterà di sostenere una prima campagna di esplorazione umana su Marte“.

 

Prossimi passi, l’avventura su Marte continua

MOXIE è solo l’inizio di un futuro entusiasmante nell’esplorazione di Marte.

Sebbene abbia dimostrato la fattibilità dell’estrazione di ossigeno su Marte, è necessario ulteriore sviluppo e perfezionamento per preparare questa tecnologia per missioni umane su larga scala.

La NASA e altre agenzie spaziali stanno già pianificando l’implementazione futura di questa tecnologia.

 

MOXIE, il punto di partenza per un futuro su Marte

MOXIE rappresenta una svolta epocale nell’esplorazione di Marte e nell’ambizione umana di colonizzare il pianeta rosso.

Questo piccolo ma potente dispositivo offre la promessa di rendere l’umanità una specie multiplanetaria.

Grazie a MOXIE, il futuro su Marte è più vicino di quanto avremmo mai immaginato, e il suo potenziale per l’umanità è infinito.

Autore: Barbara Zagato

SEGUICI SU GOOGLE NEWS